info@tfwofficial.com
+39 346 499 73 75

Ana Herrera

Ana Herrera (24) si è laureata in Fashion Design allo IED di Madrid nel 2014. Durante questo periodo Ana ha vinto diversi premi. Uno di questi è stato l'”Ethical Fash-ion Show” a Parigi e in seguito vinse il premio per la migliore collezione di illustrazione firmata ANYA editorial. Dopo i suoi studi ha preso parte al gruppo creativo Pedro del Hierro, in cui cirimase per un anno. Fece inoltre parte del gruppo DELPOZO per la collezione primavera 2016. Dopo questa sua esperienza lavorativa decise di trasferirsi in Scozia dove realizzò che la sua vera motivazione era quella di crearsi la sua propria etichetta di moda. Adesso Ana è responsabile della sua società. ll suo marchio di moda ANHET fu presentato per la prima volta lo scorso marzo ad uno show di moda nella sua città, Cádiz. Il passo successivo è quello di avviare la sue vendite online per stabilirsi come etichetta di riferimento sul mercato. ANA HERRERA ANHET è un’etichetta di moda per le donne che esplora le contraddizioni e la dualità inerenti ad ogni donna, assumendo come rappresentazione l’importanza del tempo, la libertà e la ricerca nella storia passata e futura. Ha una forte passione per le fibre naturali così come la valorizzazione del radicale. Appassionata alla perfezione della natura e del benessere, mostra una relazione tra concetto, design e materiali. EURITMIA è una combinazione armonica di proporzioni, linee, colori e suoni. È la musica visualizzata dal corpo. Una nuova arte del movimento creata nel 1912 da Rudolf Steiner, facendo riferimento alla poesia e alla musica attraverso il ritmo. Questa collezione si basa su ciò che vediamo e quindi ciò che sentiamo, da questo, un universo viene creato dove la forma è convertita in visione e movimento in tocco. Utilizzando la gamma cromatica data a noi da Jennifer Hansen nel suo lavoro, la forma e il ritmo delle sue pennellate, le linee geometriche e i bordi che disegnano la figura saranno anche utilizzati. Vedremo come la collezione prende forma attraverso il ritmo scoperto e vissuto nel suo stesso movimento, visualizzato da un corpo utilizzato come strumento.

Eng. Version

She is graduated in fashion design by the IED Madrid in 2014, during this time Ana wins various prizes one of them being “Ethical FashionShow” in Paris and the international prize to the best illustration collection by the ANAYA editorial.After her studies she took part of the brands creative group such as Pedro del Hierro where she was for a year and DELPOZO for the collection Spring 2016.Thrush this work experience she decided to transfer to Scotland, there she realised that her true motivation was to create her own fashion label. Now Ana is in charge of her own company, her fashion brand ANHETwas presented for the firts time last March in a fashion show in her city, Cádiz. The next step, launch sales online to be establish as a label of reference in the market. ANA HERRERAANHETis a fashion label for women that explores the contradictions and duality inherent to each woman. Taking as representation the importance of time, freedom and the seach in history past and future. With strong likes for natural fibers as well as valueing radical which is caracterized by the use of oposite poles, feeling that express that though forms and contrast movements. Passionate for the perfection of nature and the well being, shows a relation between concept, design and materials.EURITMIA is a harmonic combination of proportions, lines, colours and sounds. It is music displayed by the body. A new art of movement created in 1912 by Rudolf Steiner, making reference to poetry and music through rhythm. This collection is based on what we see and therefore what we feel, from this, a universe is created where shape is converted into vision and movement into touch.Using the chromatic range given to us by Jennifer Hansen in her work, the shape and rhythm of her brushstrokes, geometric lines and edges which draw the figure will also be used. We will see how the collection takes shape through the rhythm discovered and lives in its own movement, displayed by a body used as an instrument.

Ana Herrera